sabato 28 giugno 2014

Queen+Adam Lambert live at Rogers Arena, Vancouver del 28 Giugno 2014


Procession
Now I'm Here
Stone Cold Crazy
Another One Bites The Dust
Fat Bottomed Girls
In The Lap Of The Gods....revisited
Seven Seas Of Rhye
Killer Queen
Somebody To Love
I Want It All
Love Of My Life
'39
These Are The Days Of Our Lives
Drum Solo
Under Pressure
Love Kills
Who Wants To Live Forever
Guitar Solo
Tie Your Mother Down
Radio Ga Ga
Crazy Little Thing Called Love
The Show Must Go On
Bohemian Rhapsody
We Will Rock You
We Are The Champions

@Last_Horizon

giovedì 26 giugno 2014

Queen+Adam Lambert live at Scotiabank Saddledome, Calgary del 26 Giugno 2014



Procession
Now I'm Here
Stone Cold Crazy
Another One Bites The Dust
Fat Bottomed Girls
In The Lap Of The Gods....revisited
Seven Seas Of Rhye
Killer Queen
Somebody To Love
I Want It All
Love Of My Life
'39
These Are The Days Of Our Lives
Drum Solo
Under Pressure
Love Kills
Who Wants To Live Forever
Guitar Solo
Tie Your Mother Down
Radio Ga Ga
Don't Stop Me Now
Crazy Little Thing Called Love
The Show Must Go On
Bohemian Rhapsody
We Will Rock You
We Are The Champions
God Save The Queen

CLICCA E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

CLICCA E GUARDA I VIDEO

SCARICA IL CONCERTO IN FORMATO MP3

(Istruzioni: una volta entrato nel sito, clicca su "Archive". Si aprirà una pagina con un piccolo box posto al di sopra del tasto "Download". Inserisci al suo interno il codice di 4 lettere che vedi nell'immagine. Dopodiché clicca sul tasto "Download" e in automatico verrà scaricato sul tuo pc un archivio .rar)

@Last_Horizon

Queen: la recensione di Absolute Greatest

Spesso i fans si sentono vittime dei propri artisti preferiti e delle case discografiche che, piuttosto che puntare su prodotti nuovi, magari aprendo i famigerati archivi, preferiscono affidarsi ai grandi classici, pezzi divenuti senza tempo e quindi sempre buoni per scalare le classifiche e rimpinguare i vari conti in banca senza troppo sforzo. Nel 1991, quando sembrava chiaro che i Queen non sarebbero più esistiti (e per fortuna le cose sono andate diversamente), ho iniziato a raccogliere tutti gli articoli che riguardavano la band e il tratto comune a molti era proprio l'idea che da quel momento in poi il mercato, e quindi anche i nostri scaffali, sarebbero stati inondati di raccolte sempre più simili a veri e propri tentativi di riciclo. Al di là della pubblicazione postuma di Made in Heaven, dei vari live e dei progetti a firma Queen+, non si può dire che il vaticinio giornalistico non abbia poi trovato conferma. Oltre alla triplice raccolta Greatest Hits, abbiamo avuto la Platinum Collection, i Deep Cuts, altre raccolte uscite magari solo per alcuni paesi e Absolute Greatest che nel 2009 ha rappresentato una sorta di chiusura del cerchio della memorabile collaborazione tra i Queen e la storica casa discografica, la EMI, oggi divenuta etichetta satellite della Universal, di cui la stessa band fa ormai parte da circa tre anni.

martedì 24 giugno 2014

Queen+Adam Lambert, live at Rexall Place, Edmonton, Alberta, del 24 Giugno 2014


Procession
Now I'm Here
Stone Cold Crazy
Another One Bites The Dust
Fat Bottomed Girls
In The Lap Of The Gods....revisited
Seven Seas Of Rhye
Killer Queen
Somebody To Love
I Want It All
Love Of My Life
'39
These Are The Days Of Our Lives
Drum Solo
Under Pressure
Love Kills
Who Wants To Live Forever
Guitar Solo
Tie Your Mother Down
Radio Ga Ga
Don't Stop Me Now
Crazy Little Thing Called Love
The Show Must Go On
Bohemian Rhapsody
We Will Rock You
We Are The Champions
God Save The Queen
@Last_Horizon

lunedì 23 giugno 2014

Queen+Adam Lambert, live at Credit Union Centre, Saskatoon, del 23 Giugno 2014


Procession
Now I'm Here
Stone Cold Crazy
Another One Bites The Dust
Fat Bottomed Girls
In The Lap Of The Gods....revisited
Seven Seas Of Rhye
Killer Queen
Somebody To Love
I Want It All
Love Of My Life
'39
These Are The Days Of Our Lives
Drum Solo
Under Pressure
Love Kills
Who Wants To Live Forever
Guitar Solo
Tie Your Mother Down
Radio Ga Ga
Don't Stop Me Now
Crazy Little Thing Called Love
The Show Must Go On
Bohemian Rhapsody
We Will Rock You
We Are The Champions
God Save The Queen

CLICCA E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

CLICCA E GUARDA I VIDEO DEL CONCERTO


@Last_Horizon

sabato 21 giugno 2014

Queen+Adam Lambert, live at MTS Centre, Winnipeg, del 21 Giugno 2014


Procession
Now I'm Here
Stone Cold Crazy
Another One Bites The Dust
Fat Bottomed Girls
In The Lap Of The Gods....revisited
Seven Seas Of Rhye
Killer Queen
Somebody To Love
I Want It All
Love Of My Life
'39
These Are The Days Of Our Lives
Drum Solo
Under Pressure
Love Kills
Who Wants To Live Forever
Guitar Solo
Tie Your Mother Down
Radio Ga Ga
Don't Stop Me Now
Crazy Little Thing Called Love
The Show Must Go On
Bohemian Rhapsody
We Will Rock You
We Are The Champions
God Save The Queen

CLICCA E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

CLICCA E GUARDA I VIDEO DEL CONCERTO

@Last_Horizon

giovedì 19 giugno 2014

Queen+Adam Lambert, live at United Center, Chicago, del 19 Giugno 2014


Procession
Now I'm Here
Stone Cold Crazy
Another One Bites The Dust
Fat Bottom Girls
In The Lap Of The Gods
Seven Seas of Rhye
Killer Queen
Somebody To Love
I Want It All
Love Of My Life
'39
These Are The Days of Our Lives
Under Pressure
Love Kills
Who Wants To Live Forever
Guitar Solo
Tie Your Mother Down
Radio Gaga
Crazy Little Thing Called Love
The Show Must Go On
Bohemian Rhapsody
We Will Rock You
We Are The Champions

Don't Stop Me Now
God Save The Queen

CLICCA E GUARDA TUTTI I VIDEO DEL CONCERTO

CLUCCA E GUARDA LA PHOTO-GALLERY DELLO SHOW

Commento: un concerto è un animale che difficilmente si fa catturare dalla penna. Si agita, cambia forma, sguscia via con uno scatto felino e ti sorprende alle spalle, costringendoti magari dopo ore che il sipario è calato a rivedere le tue idee. Soprattutto un concerto merita di essere giudicato solo dopo averlo visto dal vivo, perché chi lo commenta deve aver vissuto sulla propria pelle l'onda emotiva che dal palco si propaga tra il pubblico. Occorre entrare in risonanza con le note e tornare a casa pieni di lividi, esausti e con quella corrente elettrica che nei muscoli non smette di pulsare e ti impedisce di dormire almeno finché l'alba non ti sorprende a fare chilometri nello spazio angusto della tua camera da letto. Il primo concerto dei Q+AL ci arriva purtroppo solo sul traballante youtube e sebbene la quantità di video e foto sia davvero impressionante (così come i migliaia di commenti che hanno invaso i social network), è necessario restare un passo indietro, come uno sfortunato fan rimasto sprovvisto di biglietto e che riesce a godersi lo spettacolo solo al di là delle porte rimaste rigorosamente chiuse. Non ci saranno immagini e i suoni giungeranno ovattati e così il racconto non può che essere parziale. Tuttavia alcune cose possono essere dette, a partire dall'immagine parecchio controversa che potete vedere qui accanto. “Brian May che mette la corona sulla testa di Adam Lambert. I Queen sostituiscono Freddie Mercury”. Se dovesse capitarvi, com'è successo a me, di imbattervi in questo tipo di commenti, fatevi una risata, di quelle grasse che vi fanno piegare in due e alla fine vi lasciano sulle ciglia piccole perle di lacrime. Subito dopo rispondete con la verità più ovvia: “Non guardate una singola foto estrapolata dal contesto. Cercate il video e vedrete che Brian non fa indossare la corona ad Adam, semplicemente gliela sistema alla fine dello show in quello che deve essere visto come un gesto paternalistico, quello di un uomo che ha di fronte un ragazzo che per due ore ha fatto l'impossibile: ha cantato le canzoni dei Queen”. Per l'ennesima volta ribadire al vostro interlocutore che Brian e Roger né oggi né mai intendono sostituire Freddie, nemmeno se con Adam dovessero incidere un album o fare altri mille tour. Lo stesso Adam trova imbarazzante e ridicola questa idea. Quindi spargente la notizia: quella foto non dice nulla o, meglio, racconta una visione distorta di come sono andate davvero le cose sul palco, con buona pace dei cronisti, di certuni fans e di cantanti in voga (vero Cesare Cremonini?) convinti, preoccupati e inorriditi all'idea che i Queen abbiano un nuovo cantante. Dal 1971 i Queen hanno e avranno sempre una sola voce. Punto.

Sperando di aver definitivamente (ma ne dubito fortemente) superato all'annosa questione, proviamo a dire qualcosa sul concerto in sé. La setlist è certamente un viaggio enciclopedico nella storia della musica e la strizzata d'occhio fatta all'imminente Rainbow è la conferma che i Queen si sentono talmente vivi da voler fare una sorta di tour promozionale, liberato finalmente da quel latente senso di nostalgia che ha caratterizzato tutta l'esperienza (comunque importante) fatta con Adam Lambert. L'ulteriore prova è data anche dalla presenza di Love Kills, prima vera anticipazione di quel Queen Forever che arriverà a fine anno. Se una lamentela va fatta, personalmente la indirizzo alla circostanza che i Q+AL, pur avendo inserito canzoni magnifiche e lontane dalle scene per troppo tempo (penso a Now I'm Here, tanto per citarne una), non hanno osato con l'introduzione di pezzi mai fatti dal vivo (The Miracle, Innuendo....ma l'elenco potrebbe durare ore), attesissimi dai fans che, in ogni caso, non possono non aver goduto delle scelte fatte (e delle prossime, perché magari altre sorprese ci attendono).

Il palco credo possa essere considerato senza tema di smentita il più bello mai visto negli show dei Queen. Finalmente ci si è affidati ad una produzione capace di realizzare effetti in grado di rappresentare la musica della band in una chiave moderna che però non sovrasta chi sta sul palco, ma lo accompagna e abbellisce. Troppo spesso negli ultimi anni si è assistito a concerti nei quali a contare di più erano soprattutto le coreografie, con la conseguente mortificazione della musica, relegata a banale comprimario di uno show fatto di laser, video e luci. Maestri del campo (da sempre) i Pink Floyd e, in effetti, il nuovo palco dei Q+AL richiama quello stile (l'occhio centrale pinkfloydiano qui trasformato in una grande “Q” mobile) e proprio come in quel caso abbellisce senza soffocare i suoni. Su questi ultimi ci sarebbe tanto da raccontare e spiegare ma, come detto al principio, la scarsa qualità delle testimonianze a disposizione mi lasciano addosso il timore di mancare l'obiettivo o di eccedere verso la vetta dell'entusiasmo o la china della critica. Sicuramente sul palco alcuni errori sono stati commessi e la performance può essere migliorata. Ma è solo il primo di una lunga serie di concerti e c'è tempo di grattare via l'immancabile ruggine che si deposita sulle dita, ma anche l'emozione che magari ti fa mancare una nota ma che sicuramente rende tutto più vero e sincero. Intanto, a proposito di tempo che scorre, è già il momento di voltare pagina perché stanotte si torna in scena e domani sarà un altro giorno di foto, video, commenti e ricerca di notizie. Bentornati campioni!  

@Last_Horizon

Queen live at Rainbow '74. Un'attesa durata quarantanni

“Stiamo lavorando duramente giorno e notte sul nostro film del concerto di Rainbow, facendo operazioni di mixaggio ed editing per dargli una forma adatta a show televisivi come The Whistle Test, così potrete vederci nei prossimi tre mesi quando saremo in tour negli Stati Uniti e in Giappone”. Capita a volte che il passato entri in risonanza col presente e così, a distanza di quarantanni, le parole scritte da Brian May per una vecchia fanzine del fan club sembrano adatte anche ai giorni nostri. Tra una manciata di ore i Queen, non quei Queen ma quelli di oggi con Adam Lambert (sempre più convincente nel gravoso ruolo), saliranno sul palco allestito presso lo United Center di Chicago, per dare l'avvio a un tour che, tra America, Australia e Asia, durerà fino a Settembre (salvo le ulteriori, attesissime, sorprese). Per noi fans europei ci sarà il regalo di Rainbow '74, il leggendario concerto che arriverà finalmente nei negozi e soprattutto nelle nostre case ripulito dalla polvere che si è posata sui solchi per ben quattro decadi, in ben sette edizioni, curate nei minimi dettagli e arricchite di contenuti speciali e memorabilia. Una manna sonora per tutti quindi, anche per i semplici appassionati del buon vecchio rock'n'roll anni Settanta che non potranno non gradire i Queen bardati di velluto, paillettes, camice damascate e unghie tinte di un oltraggioso nero. Rainbow doveva essere la prima testimonianza in video dell'ascesa dei Queen, all'epoca ormai divenuti famosi nonostante Bohemian Rhapsody fosse ancora di là da venire. Ma nel 1974 canzoni come Killer Queen e Stone Cold Crazy giravano già nelle radio e scalavano le classifiche. L'uscita di un album live e del relativo video sembravano l'inevitabile passo per consacrare il successo. L'idea comprendeva anche la diffusione attraverso gli show musicali in voga nella televisione dell'epoca e, in effetti, una versione da trenta minuti di Rainbow finì sullo schermo, ma su quello gigante dei cinema: nel 1977, infatti, venne utilizzato come introduzione per il film Lo Squalo di Steven Spielberg (a voi l'arduo compito di scovare l'improbabile connessione tra lo sgambettare voluttuoso di Freddie Mercury sul palco e le fameliche fauci del mostro marino), mentre l'anno prima negli Stati Uniti venne declassato a mero siparietto per The Song Remains The Same dei Led Zeppelin (e qui, qualche punto di congiunzione non si può certo dire che manchi). Ma poi non ci fun alcun seguito e la prima vera messa in scena di Rainbow avvenne solo nel 1992 con una vhs della durata di 52 minuti inserita nel bel cofanetto Box Of Tricks, una di quelle chicche per veri collezionisti che difficilmente approdano sui tavoli dei fans che muovono il mercato con i loro acquisti.

martedì 17 giugno 2014

Queen+Adam Lambert live at iHeart Radio Theatre, Los Angeles, 16 Giugno 2014


Si è svolto ieri sera il mini show con intervista ai Queen+Adam Lambert presso l'iHeart Radio Theatre di Los Angeles. Non una prima tappa del tour ma una sorta di presentazione per sommi capi, con tanto di intervista che la band ha rilasciato a Nikki Sixx dei Motley Crue. Questa la setlist della serata che, pur essendo molto breve ha regalato davvero una grande sorpresa:

We Will Rock You
Another One Bites The Dust
Crazy Little Thing Called Love
Love Kills
Fat Bottomed Girls
Under Pressure
We Are The Champions
Don't Stop Me Now

L'evento è andato in onda in live streaming ad un'ora davvero impossibile per noi italiani, ma è possibile rivederlo qui:

CLICCA E GUARDA IL VIDEO DELL'ESIBIZIONE DEI QUEEN+ADAM LAMBERT

RECENSIONE: ogni volta che i Queen tornano ad esibirsi ti chiedi se sarà ancora magia. Ogni fan che si rispetti teme sempre di ritrovare i propri beniamini cambiati, magari fiaccati dagli anni, svuotati di ogni entusiasmo e presenti sul palco solo per timbrare il cartellino. Con i Queen non succede mai. Lo show di Los Angeles è entrato di buon diritto negli annali come una dei più belli di sempre nonostante la versione minimal, sia del palco che della scaletta. Eppure tutto ha funzionato in modo magico. Su tutti Adam Lambert ha dimostrato, forse definitivamente, di essere la scelta giusta e la sua performance in Love Kills, vera sorpresa della serata, ha convinto ed emozionato come non capitava da anni. Il brano, contrariamente a quel che si pensa, ha origini queeniche nonostante sia stata portata al successo da Freddie Mercury assieme al nostro Giorgio Moroder per la riedizione di Metropolis (un'altra connessione col cinema di fantascienza!), come del resto ha spiegato lo stesso Adam. Con Brian e Roger ha proposto una versione meno improntata all'originaria dance che sarebbe certamente piaciuta anche a Freddie. Potenza, eleganza e misura sono state le caratteristiche essenziali di questo brano e di tutto lo show, un piccolo ma significativo assaggio di ciò che avverrà a partire da domani con la prima vera tappa del tour in quel di Chicago. L'attesa a questo punto è davvero grande e le voci si rincorrono tra i corridoi e i social network: da Chicago giunge la notizia che il concerto dovrebbe avere una durata di circa tre ore; altrove si parla di canzoni come Killer Queen, Heaven For Everyone e altre sorprese! Tutto questo e molto altro ancora sono i Queen con Adam Lambert....i confronti col passato sono inutili, eppure la magia, quella specie di magia è ancora lì e ci fa sognare.

@Last_Horizon

lunedì 16 giugno 2014

BREAKING NEWS: Queen live at Rainbow '74 - L'annuncio ufficiale



QUEEN: LIVE AT THE RAINBOW ’74 i dettagli:

Package one
One CD featuring the November show

Package two
Two CD digi-pack, with one CD featuring the March show and the second CD featuring the November show

Package three
DVD or SD Blu-Ray of the November show with four “bonus” tracks from March

Package four (released in North America only)
SD Blu-Ray & CD combo box

Package five
2 Vinyl - Limited edition gate-fold double vinyl package, with one LP featuring an audio reproduction of the original March show live album and the other LP featuring highlights from the November show.

Package six
4 Vinyl - Limited edition four vinyl LP boxed set, two LPs featuring the March show and two featuring the November show

Package seven
Super Deluxe Box - Limited edition Super Deluxe lidded boxed set package containing:
1) Two CDs, one CD featuring the March show and the second CD featuring the November show
2) A DVD and SD Blu-Ray of the November show with four “bonus” tracks from March
3) A 60 page hardback book containing lots of previously unseen photographs, and (among other items), reproductions of two reviews, one from The Times and one from Disc and Music Echo. A series of four articles from the latter publication is also included.
4) Reproductions of two tickets from the March concert (those actually used by Brian’s parents)
5) A reproduction of the tour itinerary folder for the March concert from promoter Mel Bush, including a letter instructing the band not to trash the hotel room or there will be dire consequences!
6) A reproduction of the 8 page show souvenir brochure
7) Two button badges – reproductions of items available at the concert
8) A reproduction of the purple and gold March concert poster
9) A reproduction of a fashion shoot in The Telegraph Magazine, featuring the band with fashion models.
10) A reproduction of the sticker stage pass from the March concert

Queen Live at the Rainbow will also be available as one disc and two disc eAlbum.

****

Queen: Live at the Rainbow ’74 - track listings:

One CD:

SHEER HEART ATTACK TOUR
Live at the Rainbow, November ’74
1. Procession
2. Now I’m Here
3. Ogre Battle
4. Father To Son
5. White Queen (As It Began)
6. Flick Of The Wrist
7. In The Lap Of The Gods
8. Killer Queen
9. The March Of The Black Queen
10. Bring Back That Leroy Brown
11. Son And Daughter
12. Guitar Solo
13. Son And Daughter (Reprise)
14. Keep Yourself Alive
15. Drum Solo
16. Keep Yourself Alive (Reprise)
17. Seven Seas Of Rhye
18. Stone Cold Crazy
19. Liar
20. In The Lap Of The Gods… Revisited
21. Big Spender
22. Modern Times Rock ’n’ Roll
23. Jailhouse Rock
24. God Save The Queen

Two CD digi-pack & four vinyl LP boxed set:

CD 1
QUEEN II TOUR
Live at the Rainbow, March ’74
1. Procession
2. Father To Son
3. Ogre Battle
4. Son And Daughter
5. Guitar Solo
6. Son And Daughter (Reprise)
7. White Queen (As It Began)
8. Great King Rat
9. The Fairy Feller’s Master-Stroke
10. Keep Yourself Alive
11. Drum Solo
12. Keep Yourself Alive (Reprise)
13. Seven Seas Of Rhye
14. Modern Times Rock ’n’ Roll
15. Jailhouse Rock /Stupid Cupid /Be Bop A Lula (Medley)
16. Liar
17. See What A Fool I’ve Been

CD 2
SHEER HEART ATTACK TOUR
Live at the Rainbow, November ’74
1. Procession
2. Now I’m Here
3. Ogre Battle
4. Father To Son
5. White Queen (As It Began)
6. Flick Of The Wrist
7. In The Lap Of The Gods
8. Killer Queen
9. The March Of The Black Queen
10. Bring Back That Leroy Brown
11. Son And Daughter
12. Guitar Solo
13. Son And Daughter (Reprise)
14. Keep Yourself Alive
15. Drum Solo
16. Keep Yourself Alive (Reprise)
17. Seven Seas Of Rhye
18. Stone Cold Crazy
19. Liar
20. In The Lap Of The Gods… Revisited
21. Big Spender
22. Modern Times Rock ’n’ Roll
23. Jailhouse Rock
24. God Save The Queen

Standard DVD and SD Blu-Ray:

SHEER HEART ATTACK TOUR
Live at the Rainbow, November ’74
1. Procession
2. Now I’m Here
3. Ogre Battle
4. Father To Son
5. White Queen (As It Began)
6. Flick Of The Wrist
7. In The Lap Of The Gods
8. Killer Queen
9. The March Of The Black Queen
10. Bring Back That Leroy Brown
11. Son And Daughter
12. Guitar Solo
13. Son And Daughter (Reprise)
14. Keep Yourself Alive
15. Drum Solo
16. Keep Yourself Alive (Reprise)
17. Seven Seas Of Rhye
18. Stone Cold Crazy
19. Liar
20. In The Lap Of The Gods… Revisited
21. Big Spender
22. Modern Times Rock ’n’ Roll
23. Jailhouse Rock

BONUS TRACKS
QUEEN II TOUR
Live at the Rainbow, March ’74
1. Son And Daughter
2. Guitar Solo
3. Son And Daughter (Reprise)
4. Modern Times Rock ’n’ Roll

Double Vinyl LP Package:
QUEEN II TOUR
Live at the Rainbow, March ’74
1. Procession
2. Father To Son
3. Ogre Battle
4. Son And Daughter
5. Guitar Solo
6. Son And Daughter (Reprise)
7. Keep Yourself Alive
8.Drum Solo
9. Keep Yourself Alive (Reprise)
10. Seven Seas Of Rhye
11. Modern Times Rock ’n’ Roll
12. Liar

SHEER HEART ATTACK TOUR
Live at the Rainbow, November ’74
1. Procession
2. Now I’m Here
3. White Queen (As It Began)
4. Flick Of The Wrist
5. In The Lap Of The Gods
6. Killer Queen
7. The March Of The Black Queen
8. Bring Back That Leroy Brown
9. Stone Cold Crazy
10. In The Lap Of The Gods… Revisited

****

UNIVERSAL MUSIC ITALIA. Vi ricordo inoltre che ulteriori informazioni su questa pubblicazione sono reperibili direttamente sul sito ufficiale della Universal Music Italia. Da quanto nel 2011 i Queen hanno siglato il nuovo contratto con la casa discografica, la qualità dei prodotti e le iniziative legate al nome della band è cresciuta enormemente e si è sviluppata in direzioni davvero innovative. Cliccate QUI per accedere alla pagina dedicata ai Queen presente sul sito della Universal Music Italia.

LINK PER I PRE-ORDER (grazie ad Andrea Grasso):

- BLURAY da Amazon.it QUI
- DVD da Amazon.it QUI

- BLURAY on Amazon.co.uk: QUI
- DVD on Amazon.co.uk: QUI

- SUPER DELUXE LIMITED EDITION su Amazon.it QUI
- VINYL BOX LIMITED EDITION (4) su Amazon.it QUI
- VINYL BOX EDITION (2) su Amazon.it QUI

- CD STANDARD su Amazon.it QUI
- DOPPIO CD su Amazon.it QUI

(Fonte: http://www.queenonline.com)

@Last_Horizon

Queen+Adam Lambert, l'inizio del viaggio

“Queen are: Freddie Mercury, Brian May, Roger Taylor & John Deacon”. Dietro questa frase si cela una storia fatta di canzoni, record, concerti e soprattutto emozioni, quelle che ogni fans prova quando ascolta gli album dei Queen e associa al nome della band un pezzo di vita, una storia, un ricordo, un frammento di esistenza destinato a durare per sempre. La musica è strana perché ha la capacità di unire persone lontane, che magari nemmeno si conoscono e riesce a raccontare passioni che uniscono e fanno sentire tutti membri della stessa famiglia. Ma si sa, la vita talvolta sa essere una gran bastarda e con noi fans dei Queen lo è stata davvero quella maledetta notte di Novembre del 1991. Calò una sottile tenebra nei nostri cuori e all'improvviso quel “Queen are” divenne qualcosa di nostalgico, che faceva male al cuore. Ma le regole del gioco non sono mai incise nel granito. La vita preferisce incidere direttamente nella carne i propri percorsi, forse perché questo è l'unico modo che consente alle persone di sentirsi vive nella mutevolezza dell'esistenza. E così “Queen are” è tornato ad essere, a fatica, con sudore, dubbi e perplessità, un elemento vitale, pulsante come il cuore della Fenice che non si arrende mai, nemmeno di fronte alle fiamme che divampano. Da stanotte per Brian May, Roger Taylor e Adam Lambert cambia tutto. Tra poche ore per tutti noi il fuoco della passione tornerà a restituirci ciò che abbiamo di più caro: la nostra band, la nostra leggenda, nostri Queen.


sabato 14 giugno 2014

Intervista a Brian May, Roger Taylor e Adam Lambert sul Toronto Sun del 14 Giugno 2014


Probabilmente sarà uno spettacolo lungo e molto forte,” promette il chitarrista Brian May promette. Siamo di nuovo i campioni. E, molto probabilmente, “per l'ultima volta”. La rock band britannica dei Queen sta per suonare nelle arene del Nord America questa estate con il secondo classificato ad American Idol dell'ottava stagione Adam Lambert nelle vesti di frontman per il loro primo tour insieme. E i due membri rimanenti dei Queen dicono che potrebbe essere l'ultima volta che fanno una cosa del genere.

"Non lo abbiamo fatto per molto tempo e non so per quanto tempo saremo in grado di fare questo genere di cose," ha detto il chitarrista dei Queen Brian May, 66 anni. "Al momento la sensazione è quella, sì. Quella di un ultimo giro in altalena, un ultima galoppata, e vedremo come va."

Il trio si è esibito per la prima volta insieme nel 2009 ad American Idol, e poi di nuovo nel 2011 agli MTV European Music Awards prima di intraprendere un breve tour europeo nel 2012 e una performance seminale al Radio Festival iHeart a Las Vegas nel 2013. L'imminente tour, che prende il via a Chicago il 19 giugno, toccherà in tutto sette città canadesi.



venerdì 13 giugno 2014

Breaking News: Le prime immagini del palco dei Queen+Adam Lambert


Circolano in rete da ieri e sono le prime, bellissime immagini catturate durante le prove che i Queen e Adam Lambert stanno svolgendo a Los Angeles in vista del tour e della performance speciale che terranno lunedì prossimo all'iHeart Radio Theatre, uno showcase di un'ora che li vedrà esibirsi sul palco di fronte a 500 fortunatissimi fans. 

giovedì 12 giugno 2014

Breaking News: A Settembre i Queen pubblicano Live at Rainbow 1974


Quanto lo abbiamo atteso, bramato, sognato, desiderato....? Quante volte ci siamo illusi che si, stavolta uscirà per poi dover ingoiare l'ennesimo rospo? Ma questo è un anno fortunato, diverso ed emozionante e da oggi possiamo dirlo: il 5 Settembre, quindi in concomitanza con il compleanno di Freddie Mercury e l'annuale Freddie For A Day, arriverà nei negozi il tanto agoniato Live at Rainbow '74. Manca ancora il crisma dell'ufficialità che è sempre bene attendere, tuttavia è da tempo che le voci di corridoio sussurrano di questa release. Chi vi scrive, appena un paio di settimane fa vi ha fatto capire che ormai il dado era tratto. E, in effetti, è davvero recente la decisione della Queen Production e della Universal di pubblicare finalmente una testimonianza della prima decade della carriera della band. Una scelta dettata dalla necessità di spingere il più possibile il nome dei Queen in vista del tour (che partirà la prossima settimana) e del nuovo album, Queen Forever, dato in uscita il prossimo Natale. Perfetta quindi la scelta di mettere (finalmente!) mano ai leggendari archivi dei Queen e pubblicare questo show, magari tra i più noti esistendo diversi bootleg audio e video in giro per la rete, ma anche tra i più amati dai fans. L'occasione per poterne parlare è data da questo sito, FAN.PL, che ha mandato online una schermata che, seppur priva di cover, offre già qualche indicazione. Vediamole nel dettaglio. Come vi dicevo la data di uscita è fissata al 5 Settembre e verranno rilasciate ben tre versioni: CD, LP e DELUXE. I contenuti non sono noti, ma certamente l'edizione "lusso" conterrà materiale extra capace di ingolosire davvero tutti e rendere il cofanetto prezioso e immancabile per tutti. Non ci resta che attendere le prossime novità, ormai all'ordine del giorno, e nel frattempo gioire per questo 2014 davvero nel segno dei Queen!

@Last_Horizon

mercoledì 11 giugno 2014

Breaking News: "51 Degrees", una nuova soundtrack per Brian May

Il rapporto tra i Queen e il cinema ha radici lontane, così come l'amore per la fantascienza, un genere amatissimo soprattutto da Brian May e Roger Taylor che più volte hanno attinto a piene mani da temi classici come il viaggio nel tempo e l'evoluzione delle macchine per scrivere pezzi straordinari. Sul grande schermo i Queen ci sono arrivati con Flash Gordon e Highlander, senza dimenticare One Vision prestata al film Iron Eagle e il colpo mancato di Keep Passing The Open Window originariamente destinata al film ispirato dal romanzo Hotel New Hampshire. Da solista Brian May ha scritto la colonna sonora per il film francese Furia e attualmente Roger sta lavorando alla soundtrack per il film co-prodotto con la moglie Sarina, Solitary, in uscita il prossimo Settembre. E' di poco fa la notizia che un nuovo capitolo sta per aggiungersi con la realizzazione da parte di Brian delle musiche per il film di fantascienza "51 Degrees". Il film racconta la storia di Damon Miller, un giovane registra inglese che scopre la presenza di un asteroide in lotta di collisione con la Terra. Un tema classico del genere insomma, la cui uscita è prevista il 14 Novembre. I dettagli completi della pellicola potete trovarli QUI. Il sito ufficiale del film invece è QUI.

Qui invece il trailer ufficiale, nel quale si può già apprezzare il sound di Brian e della sua Red Special, anche se in un breve frammento:


Da sottolineare, infine, che il film sarà presentato in anteprima il prossimo Settembre in occasione del festival dell'astronomia "Starmus" che si terrà a Tenerife, alla presenza del nostro Brian che tra l'altro si esibirà anche col tastierista degli Yes Rick Wakeman.

@Last_Horizon

giovedì 5 giugno 2014

Breaking News: Un evento speciale con i Queen+Adam Lambert a Los Angeles

Se ne parlava già da un po', ma la conferma ufficiale è arrivata ieri: il 16 Giugno i Queen e Adam Lambert parteciperanno ad un evento live speciale a Los Angeles. Non sarà la prima tappa del tour americano, che partirà tre giorni dopo, ma un mini concerto della durata di un'ora cui potranno partecipare appena 500 persone nella prestigiosa location dell'IHeart Radio Theater (lo potete vedere nella foto qui accanto). Lo spettacolo sarà presentato da Nikki Sixx dei Motley Crue e data la dimensione intima del teatro non è da escludere che tra la band, Nikki e il pubblico stesso vi possano essere delle interazioni, con domande rivolte direttamente a Brian, Roger e Adam. Sarà la prima occasione per ammirare una parte del nuovo show che il trio porterà in giro per il mondo assieme ai fidati Spike Edney, Neil Fairclough e Rufus Taylor. 

domenica 1 giugno 2014

We Will Rock You, la fine per un nuovo inizio

Vi hanno mai parlato dei luoghi magici? Ogni città ne ha almeno uno. Può trattarsi di una vecchia casa infestata dagli spiriti, di un vicolo buio e stretto alla fine del quale c'è una porticina che nessuna persona sana di mente aprirebbe, o magari è solo quel piccolo quadrato di erba lassù in collina: si dice che a mettersi proprio nel mezzo si riescano a percepire nel vento delle voci che raccontano storie da una terra lontana. E poi ci sono altri posti, di fronte ai quali può capitare di passare tutti i giorni e dei quali ci accorgiamo a malapena. Restano impressi per una frazione di secondo sulla retina per poi non lasciare alcuna traccia nei ricordi dei passanti. È difficile stabilire a quale di questa categorie apparterrà d'ora in poi il Dominion Theatre di Londra, ma c'è già chi giura che a passarci davanti si possa percepire una vibrazione tellurica, che sale dal pavimento e si propaga nelle ossa. C'è chi dice che sia inevitabile fermarsi e battere le mani e i piedi con un ritmo ben preciso: stomp stomp, clap.... stomp stomp, clap....