mercoledì 12 aprile 2017

Per gli scienziati We Will Rock You dei Queen fa bene come una medicina


Al mondo della scienza i Queen sembrano piacere un sacco. Sarà perché Brian May è a sua volta un membro di tutto rispetto della comunità scientifica o, più semplicemente, perché anche chi indossa il camice bianco sa apprezzare la musica che conta. Resta il fatto che vari studi si sono occupati a più riprese dei Queen. Il più recente ha aggiunto qualcosa di nuovo a proposito di We Will Rock You.


Il Dott. Daniel Thomas, a capo del progetto scientifico denominato “Chroma” e dedicato all’uso dell’arte e della musica per la cura di particolari patologie ha spiegato:
“Il brano dei Queen viene spesso usato dai nostri terapisti nelle sessioni dedicate allo sviluppo della capacità di relazionarsi con gli altri e fare gruppo. È la nostra canzone preferita quando lavoriamo con delle famiglie che hanno adottato bambini con situazioni emotive difficili.”

In precedenza altri studi si sono occupati della voce di Freddie e delle caratteristiche che la rendono ancora oggi unica (l’articolo lo trovate QUI) mentre di Don’t Stop Me Now si è detto che è la canzone più positiva di sempre.


E’ difficile stabilire quanto certi studi siano effettivamente connotati di tutti i sacri crismi dell’autorevolezza, ma un dato appare incontrovertibile perché lo testiamo sulla nostra pelle e nelle nostre anime tutti i giorni: la musica dei Queen è la medicina migliore, perché in grado di migliorare l’umore e di amplificare le emozioni positive. Magari non saremo degli scienziati, ma di certo siamo dotati di ottime orecchie, non vi pare?